Eugeni Quitllet: Qui si incontrano aziende e creativi

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 19 aprile 2013 alle ore 10:31.

Catalano, nato a Ibiza nel 1972. Braccio destro di Starck per dieci anni, oggi ha un suo studio a Barcellona e Parigi.

Quali progetti ha presentato al Salone?

Con Kartell ho fatto Shine, una collezione di quattro vasi in policarbonato; nello stesso materiale ho disegnato la luce Light Air e l’orologio O-Clock: ho inserito l’orologio in una cornice trasparente di policarbonato su un fondo a specchio: rappresenta il tempo che ciascuno di noi amplifica e vive in modo personale. Con Dedon ho presentato In Joy, collezione di tavoli e sedute per l’outdoor. Per Alias ho firmato la seduta Elle.

Cosa pensa di Milano?

È il luogo dove le migliori aziende del mondo incontrano la creatività, e i progettisti possono dare forma alle idee.

Quale materiale la ispira maggiormente?

Il policarbonato, che consente di realizzare oggetti che, a livello di forma, produzione industriale e accessibilità, non si possono produrre in cristallo. È un materiale le cui potenzialità sono ancora da scoprire.

TAGS: Imprese | Joy In | Kartell |

Trova Casa
annunci immobiliari
powered by