Lezioni di design, robot e giochi di luce nel Brera design district

di Chiara Panzeri

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 08 aprile 2014 alle ore 19:36.

(Fotogramma)

(Fotogramma)

Per il Fuorisalone 2014, a Brera sono previsti circa centocinquanta eventi. Secondo Christian Confalonieri, cofondatore di Studiolabo – Brera Design Distric: «Non bastano. Ai visitatori l'aspetto commerciale interessa fino a un certo punto. Ciò che veramente fa da elemento trascinante per il distretto è la cultura. È su questa che dobbiamo costruire un sistema di relazioni». Quest'anno Brera ritorna alle proprie origini, al suo passato di quartiere storico della città, che tradizionalmente è stato un incubatore per l'arte, la moda e il design: sono nati qui artisti, tendenze, stili. La memoria di ieri diventa il motore per capire le dinamiche di oggi, e anticipare ciò che accadrà domani. Ecco allora un tema come Lezioni di Design, che ripercorre la storia di questo settore e dei suoi nomi celebri, attraverso una serie di appuntamenti legati all'approfondimento e al dibattito.

Il progetto Lezioni di design è firmato da Stefano Casciani, Anna Del Gatto, Maurizio Malabruzzi e Ugo Gregoretti, con il marchio di Rai Educational. Lo spunto viene da un ciclo di venti documentari che ripercorrono l'evoluzione del design attraverso i suoi oggetti più emblematici, raccontati nei video da mostri sacri come Achille Castiglioni, Vico Magistretti, Alessandro Mendini. Intorno alle proiezioni ruota un calendario d'incontri e conferenze che dal design "storico" arrivano fino alle tematiche più attuali: la stampa 3D, la crisi di mercato, l'online e le prospettive che si aprono in termini di comunicazione e vendita. L'iniziativa è promossa in collaborazione con Ais/Design (Associazione italiana degli storici del design) che a sua volta organizza una serie d'itinerari nelle fondazioni e negli archivi della città. Anche i bambini sono parte attiva nel progetto, grazie ai workshop ospitati da Appartamento Lago, uno spazio allestito dal brand emergente nel settore arredo. Alle "lezioni" collabora il corso di Alta formazione di Design del Giocattolo del PoliDesign, con una domanda semplice (ma vitale per chi ha meno di dieci anni): come sarà il giocattolo del futuro?

La Mediateca Santa Teresa, invece, (che ospita la sezione multimediale della Biblioteca Nazionale Braidense) è la meta ideale per chi non è più bambino da un pezzo, ma a qualche "giocattolo" ha scelto di non rinunciare. Nel Piano giardino è allestita la mostra Robot-Therapy – Adotta un robot, e il senso è già tutto nel nome. L'ideatore, Massimo Sirelli, realizza piccoli robot con gli oggetti industriali trovati nei mercatini, e poi li lascia in attesa. Chi vuole adottarne uno passi al 28 di via Moscova. Di tutt'altre dimensioni l'installazione Moster in the Spotlight – A Ducati Shadow Art Performance. La casa motociclistica di Borgo Panigale, in collaborazione con Ied (Istituto Europeo di Design), allestisce un percorso multisensoriale basato sulla "shadow art": una forma di scultura che non plasma la materia, ma crea volumi partendo da giochi di luci e ombre. Questi ultimi sono le componenti di Monster 1200, l'ultimo modello Ducati.

Tutt'intorno, nelle vie del quartiere si dispiega un complesso di eventi che vanno dalle cucine all'arredo bagno, dall'editoria ai rivestimenti. Lexus (brand della casa automobilistica Toyota) ha coinvolto tre designer chiedendo loro di interpretare il tema "Amazing in Motion", per poi esporne le installazioni in Brera. Fabio Novembre ha creato We dance, ispirandosi al movimento di pianeti e galassie; Nao Tamura firma Interconnection sulla relazione uomo-natura; il Mit Tangible Media Group presenta Transform, dedicata al passaggio da oggetto statico a macchina in movimento. Presotto, dal 1948 nell'industria del mobile, allestisce quattrocento mq di collezioni dell'azienda, con una gigantesca Gioconda su una parete in omaggio al talento italiano. Altri creano veri e propri percorsi tematici, come quello di Cristalplant e Agape (arredo bagno) incentrato sull'acqua, o come Oikos (specializzata in rivestimenti e pitture), che a Palazzo Cusani ha predisposto un itinerario sensoriale attraverso colori e materiali differenti.

Per info su Brera Design District e i suoi eventi:
http://fuorisalone2014.breradesigndistrict.it/eventi

TAGS: Achille Castiglioni | Ais | Alessandro Mendini | Anna Del Gatto | Architettura | Brera | Christian Confalonieri | Fabio Novembre | Ied | Lexus | Massimo Sirelli | Maurizio Malabruzzi | Mit Tangible Media Group | Monster | Rai Educational | Shadow | Stefano Casciani | Toyota | Ugo Gregoretti | Vico Magistretti

Trova Casa
annunci immobiliari
powered by