Tutti pazzi per Miami
Ricercata South Beach, da evitare North Beach, Coral Gables e Coconut

di Evelina Marchesini

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 febbraio 2011 alle ore 16:02.

La spiaggia di South Beach a Miami Beach (Ap Photo)

La spiaggia di South Beach a Miami Beach (Ap Photo)

Ancorati alla necessità di una stabilità inattacabile, gli italiani hanno sempre investito, investono e investiranno nel mattone. Quasi incredibilmente, non hanno mai smesso, nemmeno nei momenti più cruenti della crisi, di affidare a malta e cemento i propri risparmi: sono sì scese le compravendite di immobili per uso diretto, ma la preferenza per il real estate rispetto alla borsa e anche ai titoli di stato non è stata scalfita. Ma c'è mattone e mattone. Ora piace la facile Miami.

Dopo gli anni del boom di italiani che avevano acquistato nella città della Florida, la crisi era scesa come una mannaia sui prezzi e sulle compravendite, tanto da far gioire gli esclusi che finalmente potevano mormorare un "ben gli sta" a chi vedeva alquanto ridimensionate le quotazioni dei propri recenti acquisti. Eppure, chi ha comprato nelle zone "giuste" l'anno scorso ha fatto affari d'oro, affari che ora vengono emulati da molti altri. Perchè il rendimento netto prospettato annuo è di almeno il 7%. Ma lo shopping deve essere selettivo. Il mercato di Miami, dopo aver perso in alcuni casi fino al 60% del valore degli immobili, è in netta fase di recupero.

Secondo "The Miami association of realtors" la vendita di case unifamiliari è cresciuta del 18% in dicembre, quella di appartamenti in condomini del 29%, dinamiche in entrambi i casi più marcate rispetto all'andamento nazionale (+12,3%). Considerando l'intero 2010 la ripresa delle vendite di appartamenti si è così portata a un +43% rispetto al 2009 e a un +114% rispetto al pessimo 2008. Il recupero dei volumi non si è però ancora tradotto, sempre in base alle rilevazioni della Miami association of realtors, in uno sprint dei prezzi, visto che il valore di cessione mediano degli appartamenti in dicembre è sceso del 33% a 99.100 dollari (mentre al più ampio livello di contea – Dade County – il prezzo delle unifamiliari è salito del 5%, a 301.020 dollari in media).

Questo a livello globale. Ma Miami conta un'area metropolitana di 5,4 milioni di persone e accoglie ogni anno più di 56 milioni di turisti, che si limitano a permanere solo in alcune, limitate, zone. Perciò agli investitori europei (italiani in particolare) interessano solo alcuni distretti (evidenziati nella mappa pubblicata qui a fianco). Nei quali gli avvenimenti degli ultimi due anni hanno prodotto cambiamenti notevoli. Per esempio, in tempi di boom si comprava anche a North Miami Beach e ad Aventura, ma ora lì gli investimenti sono assolutamente fermi: North Miami Beach è una delle aree che hanno perso di più, si è costruito a dismisura ed è stata setacciata soprattutto dai russi, così che ora prevale l'invenduto; Aventura è zona residenziale, dove si va ora solo per lo shopping (all'Aventura Mall). «Coral Gables e Coconut sono sempre state zone appetibili, ma hanno già toccato il fondo e la ripresa non si vede – spiega Federico Maria Ionta, a.d. di First the real estate –.

Il numero delle transazioni è troppo basso e qui è meglio lasciar perdere». Concentrandosi invece nelle zone che hanno un mercato internazionale, come South Beach, il discorso cambia. Intanto perchè l'area fronte mare di South Beach non ha mai sentito la crisi e si vende tra i 7mila e i 20mila dollari al mq. Ma qui di affari non se ne fanno. «L'area davvero interessante, dove non in pochi mesi esauriamo la disponibilità di interi edifici cielo-terra quasi esclusivamente con la clientela italiana – prosegue Ionta – è il Deco District di South Beach». Qui infatti si compra ancora con uno sconto del 35-40% rispetto al reale valore di mercato, con la possibilità (si veda l'articolo qui sotto) di affittarlo tutto l'anno a uso turistico. E con la certezza di accapparrarsi un piccolo pezzo unico.

TAGS: Coconut | Coral Gables | Deco District | Federico Maria Ionta | First | Florida | North Miami Beach | Prezzi e tariffe |

Trova Casa
annunci immobiliari
powered by