Boom per le case vacanza di montagna tra Natale e Capodanno: prenotazioni cresciute del 30%

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 03 gennaio 2014 alle ore 12:22.

Nonostante la crisi (e forse anche proprio perché questa spinge verso soluzioni più economiche rispetto agli hotel) la richiesta di case in affitto a cavallo tra Natale e Capodanno ha registrato un record di crescita. Il portale Casevacanza.it (www.casevacanza.it) ha monitorato i trend della domanda e dell'offerta e il volume delle prenotazioni: queste ultime sono cresciute del 30 per cento.

Se si scelgono sempre più voli low-cost, si ritorna a viaggiare in pullman e i tour operator lamentano un calo di più del 30% per ciò che concerne le prenotazioni in hotel durante le vacanze di Natale (fonte: Assoviaggio Confesercenti) chi non rinuncia alla vacanza vuole necessariamente risparmiare: la casa vacanza, da questo punto di vista, si rivela un'opportunità interessante, che unisce il risparmio alla libertà di gestione.

A crescere, non è solo la domanda ma anche l'offerta di affitti turistici. L'esigenza di "fare cassa" e di mettere a reddito un immobile poco usato, la volontà di diventare "piccoli imprenditori" nel settore turistico e la semplicità di gestione di queste strutture hanno fatto aumentare il numero di immobili dati in affitto: la crescita, in media, rispetto allo scorso anno è stata pari al 20%, con picchi del 50% e oltre in alcune zone del Paese.

Il fenomeno, tuttavia, non si sta sviluppando uniformemente in tutto il paese: da lato della domanda, le regioni da cui arriva il maggior interesse per le prenotazioni sono Lombardia e Lazio, mentre le regioni in cui la domanda è cresciuta maggiormente sono Campania e Piemonte; per ciò che concerne l'offerta, invece, la concentrazione maggiore di case vacanza la troviamo in Puglia, Sicilia e Toscana: Puglia e Sicilia, inoltre, sono le regioni che nel corso dell'anno hanno visto la crescita maggiore rispetto al 2012

«Il 2013 è stato l'anno di vera esplosione del fenomeno delle case vacanza in Italia – ha dichiarato Francesco Lorenzani, responsabile di Casevacanza.it – e non è un caso che il picco di richieste si sia registrato proprio alla fine di dicembre e all'inizio di gennaio. Il settore degli alloggi extra alberghieri ha registrato, rispetto al 2012, un incremento delle prenotazioni che sfiora il 30%. Le case vacanze sono viste come strutture più economiche rispetto agli hotel, ma anche più flessibili e pratiche per chi si muove con bambini, anziani o in grandi gruppi». (E. Sg.)

TAGS: Francesco Lorenzani | Italia | Turismo |

Trova Casa
annunci immobiliari
powered by