LA TARSU ╚ SOGGETTA A PRESCRIZIONE TRIENNALE

Ho acquistato un appartamento ove sono andato ad abitare a fine 2008. Nonostante la sollecita dichiarazione all'ufficio Tarsu del comune, non ho mai ricevuto l'importo per il pagamento dell'imposta sui rifiuti. Posso continuare ad attendere per l'indicazione di quanto dovuto o devo sollecitare il comune per evitare che mi vengano poi imputate penali per il ritardo nel pagamento anche se non a me imputabile?
Avendo presentato la denuncia d’occupazione, il lettore non ha alcun altro adempimento da svolgere, nÚ deve sollecitare il creditore per pagarlo.La cartella o l’avviso di liquidazione recanti l’invito al pagamento della tassa dovuta in base alla superficie dichiarata possono essere notificati fino alla fine del terzo anno successivo a quello nel corso del quale Ŕ stata presentata la dichiarazione (articolo 1, comma 163, legge n. 296 del 2006). Peraltro, i ritardi nel comune di residenza (L’Aquila) possono essere stati provocati dalla mancata ricostruzione dopo il terremoto. Perci˛ il lettore non ha motivo di stare in ansia. E se i predetti inviti al pagamento non gli perverranno per la fine del 2011, sarÓ anche esonerato dal pagamento, per decadenza del comune dal potere di riscuotere la tassa.Non possono essere addebitate al lettore penali per il ritardo, considerato che in materia di Tarsu non esistono, nÚ possono essere istituiti con regolamenti locali, obblighi di autotassazione (risoluzione ministeriale 30 luglio 2002, n. 8/Dpf).

Non hai trovato quello che stavi cercando? Cerca nella banca dati dell'Esperto Risponde