Il mercato della seconda casa in Italia elaborato da Reag

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 01 febbraio 2011 alle ore 14:28.

Secondo stime Fimaa in Italia sono presenti 3,5 milioni di case per vacanza: lo stock di seconde case sarebbe quindi pari all'11,5% del totale delle abitazioni presenti sull'intero territorio nazionale. Secondo dati dell'Osservatorio nazionale del turismo nel 2009 le seconde case hanno accolto il 55,9% dei vacanzieri mentre nel 2010 l'occupazione delle case in affitto a fini turistici è cresciuta del 9,9%.

Nel 2009 la crescita dei prezzi si è fermata e nel 2010 i valori medi sono risultati in leggera flessione: nelle località marine si sono registrate correzioni al ribasso dei prezzi nell'ordine dello 0,5% mentre nelle località montane si sono mantenuti stabili; nessuna flessione o lievi rialzi hanno interessato invece gli immobili di elevata qualità nelle località più esclusive.

La domanda per immobili di pregio si mantiene costante grazie anche al sempre elevato numero di stranieri che si rivolge al mercato italiano; la parte bassa (< 150mila euro) o medio bassa (tra 150mila e 500mila euro) del mercato appare in difficoltà soprattutto per quanto riguarda chi deve fare ricorso al mutuo per acquistare la seconda casa. Mediamente il 25% delle seconde case viene acquistato tramite mutuo per un importo pari al 60% del prezzo dell'immobile e con una durata media di 16 anni.

Le case più richieste hanno una superficie inferiore ai 55 mq con annessi spazi esterni (balcone abitabile, terrazzo o giardino) e vicinanza al mare o alle piste da sci: hanno un valore superiore ai 200 mila euro. Il 70% della domanda è composto da famiglie mentre il restante 30% da investitori. L'83,6% degli acquirenti sono cittadini italiani seguiti da stranieri appartenenti all'Ue (9,3%) e da quelli extracomunitari (7,1%).

I tempi medi di vendita sono pari a circa 10 mesi (8 medi nel 2009) e la redditività delle seconde case non supera il 4%; il divario tra prezzo richiesto e prezzo effettivo è stabile al 12%.

Negli ultimi 12 mesi l'offerta si è mantenuta stabile mentre si è ridotta la domanda comportando una sensibile diminuzione del numero di compravendite (-15%).

Per quanto riguarda il mercato delle locazioni si è registrato un incremento di circa il 5% della domanda. Le regioni più richieste si confermano la Toscana e la Sardegna mentre rispetto alla scorsa estate crescono notevolmente le richieste per la Liguria e la Lombardia: la costante contrazione dei gironi di vacanza favorisce le località più vicine a quelle di residenza dei vacanzieri. Il 77% delle richieste di affitto per le vacanze arriva dalle famiglie che ricercano principalmente appartamenti con 4-6 posti letto.

TAGS: Italia | Turismo

Trova Casa
annunci immobiliari
powered by