Capitali del futuro moderne e sostenibili

di Paola Dezza

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 07 febbraio 2013 alle ore 08:10.

Nella foto Sergels Torg, una delle piazze principali di Stoccolma (Marka)

Nella foto Sergels Torg, una delle piazze principali di Stoccolma (Marka)

La fisionomia che assumerà la città del futuro riempie l'immaginazione di quanti sognano scenari tecnologici a portata di mano e quartieri vivibili ed ecosostenibili.
Ma le metropoli del prossimo decennio esistono già, in continua piena trasformazione per non deludere le aspettative. E in "format" che sembrano utopistici a chi come noi vive in Italia, dove troppo ancora è lasciato all'improvvisazione o alle iniziative private, purtroppo spot.
Casa24 Plus insieme a Scenari Immobiliari ha individuato dieci grandi città dove il futuro è il presente. Si tratta di Stoccolma, Copenhagen e Bilbao in Europa, di Singapore, Bangkok e Seul in Asia, Adelaide in Australia, San Paolo, Toronto e Boston oltre oceano. Città sempre più dinamiche, dove interi quartieri vengono rivitalizzati o completamente rinnovati, in cui il mattone vive un buon momento, fuori dalla crisi delle grandi economie mondiali, in cui la tecnologia ha raggiunto altissimi livelli, tali da attirare sempre più capitale umano disposto a cambiare vita.

APPROFONDIMENTI

Tornando all'Europa, uno dei casi più eclatanti è lo sviluppo e la riqualificazione attuata in chiave sostenibile delle Capitali del Nord Europa. Si tratta delle città verdi per antonomasia, dove la qualità della vita sposa i precetti "green" di risparmio energetico, trasporto urbano a basso impatto e riciclo. E soprattutto servizi al cittadino.
Stoccolma e Copenaghen in particolare hanno saputo attrarre molti capitali, anche nel segmento immobiliare, e sviluppare quelli che saranno i temi del futuro. «Una città evoluta dal punto di vista ambientale è Copenhagen – dice Paola Gianasso, responsabile dei mercati esteri per Scenari Immobiliari – che, negli ultimi dieci anni, ha ridotto del 20% l'emissione di anidride carbonica, con l'obiettivo di ridurla di un ulteriore 20% entro il 2015». Il risultato è frutto della moderata circolazione di automobili (il 36% della popolazione va al lavoro in bicicletta) e del progresso nell'utilizzo dell'energia alternativa. «L'energia eolica copre già il 13% del fabbisogno energetico totale, mentre il sistema di riscaldamento è uno degli esempi di maggiore successo al mondo – continua Gianasso –. Esso recupera il calore di scarto della produzione elettrica riportandola nelle case sotto forma di calore». La massima realizzazione sarà il futuristico quartiere di Nordhavn, che sorgerà sulle aree dismesse dell'ex porto nord della città e verrà costruito nei prossimi 40 anni per ospitare circa 40mila persone.

La città più innovativa a livello mondiale è però la canadese Toronto. Qui la riqualificazione del waterfront verrà realizzata tutta in chiave sostenibile. Il Canada tra l'altro è una di quelle Nazioni che ha avviato un programma governativo per richiamare dal resto del mondo figure professionali qualitificate, e per questo è tra le mete più interessanti per chi cerca di cambiare vita.
Al secondo posto della classifica si colloca Stoccolma, dove è in corso di ampliamento il quartiere di Hammerby, un progetto ambientale fuori dal comune. Terminato, nel 2017, ospiterà 11mila abitazioni per 25mila persone.
Il progetto è nato con l'obiettivo di ridurre al minimo l'impatto ambientale. L'architettura è moderna, con un'attenzione particolare verso i materiali riciclabili e sostenibili, come vetro, legno, acciaio e pietre. E i prezzi hanno raggiunto il livello di quelli in centro città.
Anche Bilbao è una delle città che vive un forte processo di rinnovamento forte, vengono rifatti interi quartieri. Ha saputo trasformarsi da città industriale a centro a misura d'uomo e oggi è considerata un modello di riconversione intelligente in tutta Europa. Qui è in arrivo è in atto la trasformazione della penisola di Zorrozaurre a cura di Zaha Hadid (si veda articolo a fianco).

Molte città tra quelle citate sono attraenti anche per chi decide di andare a studiare all'estero. Un esempio su tutti è Boston, dove il Mit richiama talenti da tutto il mondo. Boston è la città più europea tra quelle americane, vanta un'architettura a misura d'uomo, spazi verdi e soprattutto l'oceano a portata di mano, tutte caratteristiche che ne fanno un centro dove la qualità della vita è alta. Qui il quartiere più vicino al Mit, e quindi preferito dagli stranieri, è Dorchester, dove i prezzi ancora contenuti vanno da 1.800 euro al metro quadrato a 3.400 euro al metro quadrato.
Città del futuro sono anche molte delle metropoli asiatiche. Da Seul, anch'esso centro che richiama moltissimi studenti universitari stranieri, oltre a manodopera di alto livello, a Singapore, che si contraddistingue per l'elevata qualità della vita, la sicurezza garantita dal Governo e le ottime scuole internazionali, passando per Bangkok, metropoli che non dorme mai. Ma qui è un pochino più forte la paura di uno scoppio di una eventuale bolla immobiliare, soprattutto a Singapore dove il segmento del mattone resiste alle pressioni di un'economia entrata in una fase di riflessione.

TAGS: Asia | Australia | Bilbao | Boston | Canada | Casa24 Plus | Europa del Nord | MIT | Tutela ambientale | Zaha Hadid

Trova Casa
annunci immobiliari
powered by