Lo «space staging» per valorizzare al meglio uffici e immobili commerciali in vista di Expo 2015

di E. Sg.

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 17 giugno 2014 alle ore 13:38.

Una volta c'era solo l'home staging. In realtà ancora non abbastanza diffuso in Italia, è in sostanza l'insieme di più o meno piccoli accorgimenti per presentare una casa ai potenziali acquirenti nelle migliori condizioni, in modo da migliorarne al massimo le potenzialità di vendita. Ora invece l'applicazione di queste tecniche si sta diffondendo anche a uffici e spazi produttivi e commerciali: a volte bastano pochi cambiamenti, ad esempio a livello di arredamento, manutenzione o illuminazione per migliorarne la possibilità di vendita o di affitto, o semplicemente la fruibilità. E l'Expo può essere l'occasione per sensibilizzare e formare gli operatori a quest'insieme di tecniche.

Gli espositori e visitatori avranno infatti necessità logistiche (temporary office e location), di proposizione commerciale/merchandising (temporary store) e rappresenteranno un picco di domanda di beni (retail e temporary store), e servizi (ospitalità, ristorazione). Quindi moltissimi spazi già adibiti o resi disponibili ad usi temporanei dovranno risultare attrattivi e ottimizzati ed altrettanto le strutture ricettive dovranno farsi scegliere e apprezzare.

Attraverso un progetto formativo - sviluppato in sinergia da Capac (Centro di addestramento e perfezionamento addetti commercio), Fimaa Milano-Monza Brianza (l'associazione di agenti immobiliari), e Home staging school - si tenterà di portare in questo scenario la filosofia e le tecniche alla base dell'home staging. Secondo gli organizzatori, è infatti possibile un'amplia applicazione in tutte le sue declinazioni: «office staging, hotel staging, retail staging, bar&restaurant staging». In una sola parola "Space Staging": «servirà a valorizzare gli spazi (a beneficio del proprietario), per favorirne l'affitto; ad allestire in modo funzionale ed attrattivo gli spazi stessi (a beneficio del subentrante); ad ottimizzare le attività già avviate (a beneficio degli operatori)».

Marketing, valorizzazione, fotografia, studio degli spazi e dei materiali, forme e colori, ergonomia, normative, design, storytelling, motivazione: il percorso di Space staging affronterà in modo completo e professionale tutte le tematiche connese fornendo, al termine, anche un certificato di "Professional Space Stager". Non sono ancora disponibili però calendario e programmi dettagliati.

TAGS: Fiere | Fimaa Milano | Home staging | Italia |

Trova Casa
annunci immobiliari
powered by