A Collodi è in vendita la «Villa di Pinocchio» per 19 milioni di euro

di Emiliano Sgambato

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 24 luglio 2014 alle ore 14:28.

È in vendita villa Garzoni o villa delle Cento Finestre, più conosciuta però come "villa di Pinocchio". Si trova infatti a Collodi, borgo toscano (in provincia di Pistoia) dove trascorse gli anni della sua infanzia Carlo Lorenzini, autore delle celebri avventure del burattino più famoso del mondo, che scelse il nome del paese di cui era originaria la madre come pseudonimo. Ed ecco svelato il legame tra la villa e lo scrittore, di origini più umili: sua madre, figlia del fattore dei Garzoni, lavorò per la nobile famiglia. A metterla in vendita è una società immobiliare, prezzo richiesto circa 19 milioni di euro.

«Costruita nel 1600 sulle fondamenta di una fortezza medievale - dicono da Lionard Luxury Real Estate, la societa' immobiliare che sta trattando l'immobile - la villa in stile lucchese con una grandiosa facciata, è disposta su 5 livelli per 3.032 metri quadrati di interni, tra cui ben 40 camere da letto. All'interno, gli ambienti principali sono decorati da stucchi e affreschi, tra cui alcuni di notevole importanza dovuti all'artista Angelo Michele Colonna (terminati nel 1652)». La villa, parzialmente restaurata, domania il paesaggio circostante e due rampe a gradoni la collegano al monumentale giardino barocco, «creato intorno al 1650 dall'architetto lucchese Diodati per il marchese Romano Garzoni e completato nell'arco di 170 anni e più generazioni». Fanno parte della tenuta anche l'incantevole Palazzina d'Estate, progettata da Filippo Juvarra, la fattoria, una dependance e dei piccoli padiglioni detti Bagnetti, posti alla sommità del giardino.

Un compesso immobiliare di elevato valore intrinseco, dunque, ma che certo può vantare il plus del mito di Pinocchio, che richiama migliaia di persone ogni anno a Collodi da tutto il mondo: la visita a Villa Garzoni con quella del Parco di Pinocchio completa infatti l'itinerario dedicato al famoso burattino. «Per questo puntiamo a trovare una società straniera, come per altri immobili che abbiamo venduto - dichiara la società Lionard - che ne capisca il potenziale e investa nel migliorare e incrementare l'offerta turistica legata al mito di Pinocchio». Pare, tra l'altro, che la proprietà alcuni anni fa è stata in mano anche all'imprenditore dei giovattoli Preziosi, che forse aveva accarezzato l'idea di farne un "paese dei balocchi".

TAGS: Angelo Michele Colonna | Architettura | Carlo Lorenzini | Filippo Juvarra | Lionard | Pistoia | Romano Garzoni |

Trova Casa
annunci immobiliari
powered by