Architetti migranti in cerca di lavoro

di Paola Pierotti

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 06 ottobre 2011 alle ore 10:12.

Polo museale di Losanna firmato dallo studio Ebv

Polo museale di Losanna firmato dallo studio Ebv

Gli architetti in Italia sono 145mila, superiamo il record europeo con 2,4 professionisti ogni mille abitanti e, secondo le stime del Cresme, il mercato dell'architettura nel nostro paese vale 2,7 miliardi. Fatti due conti, si tratta di spartirsi una media di 19mila euro l'anno. Una categoria in sofferenza e una situazione che sempre più spesso spinge i professionisti a guardare oltre confine.

«A livello economico per gli architetti è più facile trovare impieghi da dipendenti in Paesi come Cina, India o Turchia, dove c'è una fiorente architettura commerciale. Per chi cerca invece opportunità di qualità l'Europa resta un punto di riferimento». Ne sono convinti Cristina Murphy e Andrea Bertassi, trentenni italiani con esperienze internazionali e con base a Rotterdam, dove nel 2008 hanno fondato lo studio XCoop. Opportunità ci sono in Germania e in Inghilterra. «Il Belgio è un paese che ha un sistema particolarmente favorevole per i giovani – spiega Murphy -, i bandi non sono restrittivi per esperienze già maturate. In Francia, poi, c'è un'esplosione recente di iniziative pubbliche per progetti molto ambiziosi». Tra le mete di maggiore appeal c'è anche la Svizzera. «Paese anticiclico che oggi vive un momento dolce», spiega Fabrizio Barozzi 35 anni, di origini trentine, che nel 2004 ha fondato lo studio Ebv a Barcellona. A Pasqua ha vinto un concorso per realizzare un polo museale a Losanna e l'operazione va avanti senza intoppi. «In Spagna – commenta Barozzi - il contraccolpo della crisi sull'immobiliare è stato terribile: il tasso di disoccupazione degli architetti è elevatissimo. I piccoli studi hanno chiuso e quelli grandi hanno dimezzato il loro organico. In Svizzera invece ci sono tanti investimenti, pubblici e privati, che generano opportunità di lavoro».

In Italia il 40% degli architetti ha meno di 40 anni e per loro l'avvio della carriera è difficilissimo. Così, se la generazione Erasmus all'inizio degli anni '90 guardava con interesse all'Europa, oggi le migliori opportunità sembrano essere in Asia e in America Latina, ma l'accesso a questi mercati non è facile. «Su scala globale funziona la logica del grande numero, dei fatturati di mega-studi o di celebri single», spiega Silvio D'Ascia, quarantenne napoletano emigrato una ventina d'anni fa a Parigi, che a differenza dei colleghi rimasti in Italia conta già un buon numero di architetture non di carta, ma costruite. Secondo D'Ascia le eccellenze individuali troveranno comunque il loro spazio, «bisogna cominciare con associazioni, collaborazioni, consulenze e partnership con una logica di scambio di idee».

Nel mondo anglosassone prevalgono grandi studi di stampo americano. A Londra sono tanti gli italiani che lavorano nelle maxi strutture di Zaha Hadid, Richard Rogers o Norman Foster. «La cosa più bella per chi lavora qui è il livello altissimo degli studi, il tipo di progetti – racconta Cristina Segni, 37 anni, sbarcata a Londra dal 2000 e partner dello studio guidato da Foster -. Si lavora con tutto il mondo e si impara un metodo rigoroso, aperto alle collaborazioni». È orgogliosa della sua carriera e la consiglia ai colleghi più giovani. «L'università italiana è molto teorica. Qui impariamo che l'architettura non è fatta di idee, ma che bisogna far quadrare il budget, le esigenze del cliente e le condizioni del contesto».

Allo studio Foster+Partners arrivano centinaia di curriculum in un solo giorno. Per entrare in queste strutture spesso è più utile il passaparola tra coetanei, o tramite di agenzie di collocamento specializzate. «Bisogna costruire il proprio profilo in modo intelligente – aggiunge Cristina Murphy che ha lavorato per sei anni nello studio di Rem Koolhaas -, il più possibile competitivo. Inventare idee per acquisire visibilità, per essere pronti quando arriveranno condizioni economiche più favorevoli». All'estero non c'è la concorrenza con geometri e ingegneri come c'è in Italia. In più, a Londra ma anche in Spagna, la figura dell'architetto gode di considerazione e vengono chiamati anche per piccoli lavori. Per questo motivo c'è spazio anche per gli studi dei più giovani, che non di rado si associano con colleghi coetanei di diverse nazionalità per dare vita alla propria attività.

Come arrivare in un grande team di Londra (Cristina Segni, 37 anni)
Laureata a Roma alla Sapienza si è trasferita a Londra nel 2000. Ha lavorato presso Hokins Architects e dal 2003 lavora da Foster+Partners (con altri 54 italiani). «Dieci anni fa era più facile inserirsi: ho dato il mio curriculum ad un amico che già lavorava nello studio – racconta – e dopo dieci giorni ho iniziato a lavorare». Quando è arrivata a Londra non conosceva l'inglese e non aveva esperienza, oggi la competizione è più dura e la conoscenza delle lingue è conditio sine qua non. «Gli studi come il nostro oggi sono cauti con le assunzioni: si fanno contratti a tempo determinato e solo se c'è un progetto preciso su cui lavorare».

Aprire il proprio studio in Spagna (Fabrizio Barozzi, 35 anni)
Nato a Rovereto (Tn), laureato a Venezia, vive e lavora a Barcellona dove nel 2004 ha fondato lo studio Estudio Barozzi Veiga (Ebv) con il collega Alberto Veiga. Lo studio ha vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali dalla Spagna alla Polonia, e realizzato alcune opere significative. «Nel 2000 la Spagna era un paese vivacissimo – racconta Fabrizio Barozzi – dove il sistema dei concorsi funzionava molto bene. Oggi però con il crollo del mercato immobiliare è cambiato tutto. Le possibilità per gli architetti sono minime, noi ci siamo salvati perché lavoriamo all'estero, in particolare in Svizzera».

Progettare in oriente con base a Rotterdam (Cristina Murphy, 38 anni)
Ha studiato architettura allo Iuav di Venezia e a Delft e si è laureata in America. Ha lavorato per sei anni nello studio Oma (di Rem Koolhaas) dove è stata senior architect e project manager. Dal 2008 è una dei fondatori dello studio XCoop con base a Rotterdam. «In Olanda – spiega l'architetto - oggi i giovani vengono richiesti per il basso costo, la flessibilità e per la disponibilità a stipulare contratti vantaggiosi per la committenza in cambio di visibilità». Negli ultimi mesi XCoop lavora sempre meno su progetti europei ma esporta idee e iniziative in Cina, India e Centro America.

Diventare una firma a Parigi (Silvio D'Ascia, 42 anni)
Napoletano, vive a lavora a Parigi dal 1993. Ha fondato il suo studio nel 2001 dopo un periodo di lavoro in associazione con Arep, società francese con cui ha vinto e realizzato anche la nuova stazione Porta Susa di Torino. Lavora tra la Francia e l'Italia con opere realizzate anche in Cina. «La storia di ciascuno di noi è un percorso fatto di incontri, persone, opportunità, fortuna e molte coincidenze – racconta -. Non esiste una formula valida per tutti. Bisogna formarsi con un'apertura culturale allo scambio e fare leva sull'italianità che resta un valore aggiunto a scala globale».

TAGS: Alberto Veiga | Andrea Bertassi | Arep | Asia | Barcellona | Concorsi pubblici | Cresme | Cristina Murphy | Cristina Segni | Delft | Fabrizio Barozzi | Foster+Partners | Inghilterra | Nato | Norman Foster | Olanda | Parigi | Porta Susa | Rem Koolhaas | Richard Rogers | Silvio D'Ascia | Svizzera | Trento | Università La Sapienza | Venezia | Zaha Hadid

Trova Casa
annunci immobiliari
powered by