Il franchising immobiliare perde quota

di Cristina Giua

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 03 novembre 2011 alle ore 10:35.

Un giro d'affari da 1,68 miliardi l'anno tra agenzie immobiliari e agenzie di intermediazione creditizia, tutte rigorosamente gestite in franchising. Questo secondo Assofranchising il valore del settore a fine 2010, pari al 7,3% del fatturato complessivo generato in Italia dal franchising. La quota dei punti vendita affiliati sul totale delle agenzie immobiliari aperte in Italia è tuttavia scesa - secondo le rilevazioni di Immofranchising aggiornate a luglio di quest'anno - al 13,5 per cento.

Trend negativo quindi (-2,3% rispetto al 2010) che ricolloca la quota di mercato delle reti a livelli precedenti a quelli nel 2000, quando il sistema franchising rappresentava il 15,5%.

Se le agenzie aperte nel nostro Paese hanno toccato – tra indipendenti e a marchio - le 44.224 unità (+6,54% rispetto a giugno 2010), quelle in franchising sono scese a 5.989 (con un -9% rispetto al 2010).

Delle 70 insegne del 1998 si è passati alle 40 del 2005, alle circa 30 ad oggi operative (alcune di queste reti sono molto piccole, con 5 punti vendita ciascuna), mentre sono 14 le insegne che rappresentano il mercato di riferimento: Tecnocasa- Tecnorete con il 47,3%, seguono il gruppo Tree (Gabetti al 10,3%, Professionecasa al 7,2%, Grimaldi al 3,1%) e poi via via a scendere con Frimm al 4,9%, Solo Affitti al 4,6%, Tempocasa al 3,7%, Pirelli Re-Prelios e Toscano entrambe al 3,5%, Remax al 2,8 per cento.

Piuttosto uniforme la diffusione sul territorio, con una forchetta tra l'11 e il 17% di agenzie a marchio sul totale del punti vendita aperti in ciascuna Regione italiana. La formula franchising convince poco in Trentino-Alto Adige (2%), in Friuli-Venezia Giulia e Toscana (entrambe al 5%). Al contrario, è molto diffusa in Valle d'Aosta e Campania con rispettivamente il 21-22% di agenzie aperte in franchising.

Nel frattempo non è più un mercato dove si "inciampa" nelle compravendite e alcuni grandi brand stanno attraversando profondi cambiamenti: Prelios, già Pirelli Re, sta traghettando la sua rete di 260 agenzie verso il marchio La Casa agency; Gabetti property solutions all'inizio di ottobre si è separata da Ubh, cedendo la sua quota in Tree finance, con le reti specializzate in intermediazione creditizia e salendo al 99% della holding Tree Re che controlla i marchi Gabetti, Professionecasa e Grimaldi.

TAGS: Esercizi commerciali | Grimaldi | Pirelli | Tecnocasa | Tree Re

Trova Casa
annunci immobiliari
powered by