Almeno 6 compravendite l'anno per pagare l'insegna

di Michela Finizio

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 23 novembre 2011 alle ore 18:14.

Almeno 6 compravendite l'anno per pagare l'insegna

Almeno 6 compravendite l'anno per pagare l'insegna

Bisogna portare a casa almeno sei compravendite all'anno per riuscire a pagare l'insegna. È questo in media il conto che deve fare un'agenzia immobiliare in franchising solamente per coprire i costi fissi e garantire il pagamento mensile delle royality.

Al netto delle quote di ingresso che ogni franchisor richiede per l'apertura (dai 2.600 ai 13mila euro più Iva per Tecnocasa al range di Gabetti, che chiede dai 7.500 ai 15mila euro più Iva), ogni affiliato deve poi corrispondere al marchio delle royalty mensili che variano da caso a caso, anche nell'ambito dello stesso network, e sono motivo di trattativa per ogni singolo contratto.

Prendendo in esame l'offerta dei due player principali Tecnocasa e Gabetti (che insieme coprono il 57,6% del franchising immobiliare in Italia, secondo Immofranchising) viene richiesto un corrispettivo medio mensile di oltre 1.300 euro, per un totale di 15.900 euro annui. Più precisamente Tecnocasa varia dai 1.200 ai 1.600 euro mensili, Gabetti dai 750 ai 1.750. Ai costi per mantenere l'insegna del marchio sulla porta dell'agenzia si sommano quelli tradizionali per la gestione dell'azienda: dai costi vivi (utenze, telefono, affitto, imposte) alle spese per la pubblicità, il commercialista, la polizza assicurativa, la previdenza, il costo della benzina, e così via. Insomma, tra royality e spese varie, mantenere un'agenzia in franchising richiede fino a 40mila euro l'anno e, considerando 6mila euro di provvigione media (il 3% su un immobile da 200mila euro), il calcolo delle 6 compravendite minime necessarie per restare a galla è presto fatto.

L'importo fisso delle royalty viene definito dai network in base a diversi parametri: notorietà del marchio nella zona, estensione territoriale dell'esclusiva, densità abitativa, reddito pro-capite, prezzi di mercato degli immobili, presenza di altri operatori immobiliari, andamento delle compravendite e dei finanziamenti. Qualcuno offre anche promozioni iniziali, come il primo semestre gratuito, per incentivare l'affiliazione. Altri sono disposti, anche prima dello scadere naturale del contratto di affiliazione (solitamente 5 anni) a rinegoziare gli importi dopo il secondo anno. Importi che, comunque, vengono rivalutati di anno in anno in base agli indici Istat dei prezzi al consumo degli anni precedenti.

Su Immobilio.it, la più grande community online di agenti immobiliari con 38.298 iscritti e oltre 157mila messaggi pubblicati, in molti iniziano a chiedersi se sia proprio necessario stare in un franchising e quali siano i reali vantaggi. Gli iscritti hanno aperto diverse discussioni sul tema: «Perchè il franchising immobiliare ha avuto così tanto successo?», «La formula del franchising è ancora garanzia di sicuro successo?», «Medito una affiliazione, ma ho tanti dubbi», e molte altre ancora. Nel forum online numerosi agenti dichiarano di aver pattutito delle quote diverse e con diverse modalità di pagamento, rispetto a quelle pubblicizzate. «Personalmente sono stato in Grimaldi due anni, ma le mie royalty e miei costi d'ingresso sono stati decisamente diversi da quelli richiesti», scrive Andrea Boschini da Pavia.

TAGS: Andrea Boschini | Esercizi commerciali | Istat | Italia | Tecnocasa

Trova Casa
annunci immobiliari
powered by